Ovetti di Pasqua più buoni aiutano i malati di sclerosi multipla


BUONI VINCONO SEMPRE!
A Pasqua con un uovo di cioccolato di Cometa A.S.M.M.E. sostieni la ricerca sulle Malattie Metaboliche Ereditarie

Prosegue fino al 23 marzo “I buoni vincono sempre”, la campagna di raccolta fondi promossa da Cometa A.S.M.M.E. in favore della ricerca sulle Malattie Metaboliche Ereditarie: in numerose piazze cittadine, in cambio di una piccola offerta, si potrà ricevere l’uovo di cioccolato dell’associazione.

Testimonial d’eccezione Antonveneta Padova: i manifesti ritraggono in campo i giocatori della squadra del campionato A1 di volley, accompagnati proprio dai bambini dell’associazione.

Grazie alla generosità di migliaia di persone, con le sue iniziative Cometa A.S.M.M.E. ha già supportato l’attività dell’Azienda Ospedaliera di Padova con oltre 400.000 euro sostenendo l’acquisto di apparecchiature scientifiche e finanziando borse di studio per la ricerca sulle MME.

A seguire il calendario degli appuntamenti del prossimo fine settimana:

DATA

LUOGO

CITTÀ

PROVINCIA

15 e 16 marzo

Prato della Valle – davanti a Palazzo Angeli

Padova

PD



Via Roma – Canton del Gallo

Padova

PD



Piazza Moniga

San Felice del Benaco

BS









16 marzo

PalaNet – Campionato Volley serie A1
Antonveneta Padova – Famigliulo Corigliano

Padova

PD



Campionato regionale Emilia Romagna di
Forme – Taekwondo FITA

Forlì

FC



Centro Commerciale Panorama

Marghera

VE



Parrocchia

Vigonza

PD

COMETA ASMME E LE MME
Dal 1992, anno di costituzione dell’Associazione Cometa ASMME, sono stati raggiunti importanti traguardi, in primis la nascita dell’Unità Complessa Malattie Metaboliche Ereditarie all’interno del reparto di pediatria dell’Azienda Ospedaliera di Padova, unico centro di cura e analisi in tutto il Nord-Est e uno dei pochissimi in Italia. La situazione rimane tuttavia molto grave: le MME diagnosticate sono oltre 400, coinvolgono più di 20.000 persone in Italia. Causate da un’alterazione genetica che provoca la mancanza o la disfunzione nella produzione di un enzima fondamentale per il corretto funzionamento dell’organismo, le MME colpiscono i bambini già a partire dai primi anni di vita. Le loro più frequenti conseguenze portano alla disabilità mentale, alla compromissione degli organi vitali, alla morte. La situazione è ancora più preoccupante perché l’esiguità dei fondi messi a disposizione dal sistema sanitario per la ricerca non permette di studiare le malattie diagnosticate e ad oggi non possiamo confidare in alcuna cura definitiva, ma solo in trattamenti terapeutici a cui i pazienti devono sottoporsi per tutta la vita.

Per ulteriori informazioni:
www.cometaasmme.org
segreteria@cometaasmme.org


Fonte www.salus.it