Ucraina, in arrivo in Azienda Ospedaliera un 15enne con la malattia di Gaucher: «Lo cureremo noi»

Spiega il professor Alberto Burlina: «Ieri pomeriggio ci hanno chiamati chiedendo di prenderci carico del ragazzino, che è partito nelle scorse ore da Kiev e che sta raggiungendo la nonna, che abita in città»

 

Proseguono in Azienda Ospedaliera a Padova gli arrivi di minorenni ucraini fuggiti dalla guerra e bisognosi di cure mediche: dopo il bambino di 4 anni malato di tumore è la volta di un 15enne affetto dalla malattia di Gaucher e già in viaggio da Kiev

Malattia di Gaucher

A dare l’annuncio è stato il professor Alberto Burlina, direttore dell’unità operativa complessa di malattie metaboliche ereditarie dell’Ospedale di Padova: «Ieri pomeriggio ci hanno chiamati chiedendo di prenderci carico del ragazzino, che è partito nelle scorse ore da Kiev e che sta raggiungendo la nonna, che abita in città. Dall’Ucraina ci è stato riferito che non avevano più modo di curarlo, e quindi ci penseremo noi senza fargli perdere neanche un giorno: la terapia, infatti, consiste in un’infusione ogni due settimane». La malattia di Gaucher prende il nome dal suo scopritore ed è causata dalla carenza dell’enzima glucocerebrosidasi, che porta a far crescere di dimensioni i macrofagi, cellule presenti in gran parte dell’organismo ma che si concentrano soprattutto nella milza, nel fegato e nel midollo osseo, alterandone le normali funzioni. 

Da: PADOVA OGGI