Prorogata al 1° aprile l’entrata in vigore della nuova ricetta

Prorogata al 1° aprile l’entrata in vigore della nuova ricetta. Il Governo – secondo quanto reso noto da Saluter la newsletter dell’Emilia Romagna – ha deciso una proroga per l’entrata in vigore del nuovo modello di ricetta (di colore rosso) da utilizzare per le prescrizioni di farmaci, visite, esami. Fino al 1° aprile sarà possibile utilizzare sia il modello “vecchio” che il modello nuovo. I cittadini sono comunque invitati a portare con sè il proprio codice fiscale quando si recano dal medico: nel nuovo modello di ricetta è richiesta l’indicazione del codice fiscale dell’assistito.

Il nuovo ricettario da utilizzare per le prescrizioni di farmaci, visite specialistiche, esami sarà in vigore dal prossimo 1° aprile. Il Governo ha infatti prorogato fino al 31 marzo prossimo l’adozione del nuovo modello di ricetta, inizialmente prevista per il 1° gennaio e poi prorogata fino al 1° febbraio. Per i mesi di febbraio e marzo i medici potranno utilizzare sia il vecchio modello di ricetta che, oltre al nome, cognome e indirizzo, richiede l’indicazione del numero di tessera sanitaria dell’assistito, sia il nuovo modello di ricetta (di colore rosso) che, oltre al nome, cognome, indirizzo, richiede l’indicazione del codice fiscale dell’assistito.

Per informare i cittadini riguardo alle novità che saranno introdotte e per invitarli a portare con sé il proprio numero di codice fiscale quando si recano dal medico, il Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna ha predisposto una specifica campagna informativa. In particolare – a partire dalla metà di febbraio – locandine saranno affisse negli studi dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta, nei CUP, negli URP, nelle farmacie, e in altre sedi dei Servizi delle Aziende sanitarie. A partire dalla metà di marzo, la campagna informativa proseguirà con inserzioni sulla stampa quotidiana, radiocomunicati e comunicazioni ai media.