Nei pazienti con infarto miocardico , elevati livelli di omocisteina sono associati ad un maggior rischio di eventi coronarici e di morte

E&#8217, stato valutato l&#8217,effetto dei livelli di omocisteina sull&#8217,outcome ( prognosi ) dei pazienti con infarto miocardico acuto.

I livelli di omocisteina sono stati misurati entro 24 ore dal ricovero in ospedale in 157 pazienti, consecutivi, con infarto miocardico acuto.

I pazienti sono stati divisi in 2 gruppi : quelli con livelli di omocisteina di 2,7 mg/L o più ( n=22, 14% ), e quelli con livelli di omocisteina inferiori a 2,7 mg/L ( n = 135 , 86%).

I pazienti con livelli di omocisteina superiori o inferiori a 2,7 mg/L non hanno presentato differenze significative per quanto riguardava il grado della malattia coronarica ed il decorso ospedaliero.

Nel corso del follow-up medio di 30+/-10 mesi, i pazienti con livelli di omocisteina superiori o uguali a 2,7 mg/L avevano una maggiore incidenza di eventi coronarici ( 36% versus 17%, p= 0.04 ) e di morte ( 18% versus 5%, p< 0.05 ). ( Xagena 2003 )