La terza Giornata mondiale delle malattie rare

L’obiettivo è sensibilizzare sul loro impatto sulle vite dei pazienti e sulla necessità di standard di cura. Sempre più essenziale una rete di riferimento.

Il 28 febbraio si svolgerà la terza giornata mondiale delle malattie rare, organizzata da Uniamo Fimr onlus, Federazione Italiana Malattie Rare, l’alleanza italiana delle associazioni di pazienti e familiari colpiti da malattie rare. Un fenomeno rilevante dal punto di vista etico-sociale, ma di scarsa entità in termini numerici: questo, in genere, si pensa quando si parla di malattie rare. Patologie molto differenti tra loro, spesso fatali o invalidanti, che colpiscono organi diversi. E poiché affliggono per definizione non più di cinque soggetti ogni 10 mila, ognuna di esse non risulta statisticamente rilevante. Nel complesso, tuttavia, rappresentano il 10% delle malattie che affliggono l’umanità. “Esistono moltissime malattie rare – spiega il professor Eduardo Nobile Orazio, responsabile dell’Unità Operativa di Neurologia II di Humanitas e docente dell’Università degli Studi di Milano -. Attualmente, il loro numero è stimato dall’OMS intorno a 6.000, di cui circa il 50% di tipo neurologico. Questa cifra, però, è in continuo aumento, in virtù dei progressi della ricerca e dell’aumento delle conoscenze genetiche”.

L’importanza di una rete di riferimento


Spesso le malattie rare sono prive di terapia specifica e le strategie di diagnosi e cura sono ancora diverse da regione a regione. Tuttavia, l’istituzione della Rete Regionale e della Rete Nazionale per le malattie rare, avvenuta nel 2001 con l’obiettivo di uniformare i trattamenti terapeutici e i protocolli di cura, ha migliorato la situazione comportando notevoli vantaggi per i pazienti, che vengono molto più facilmente orientati verso il centro più vicino specializzato nella cura della specifica patologia.
La sorveglianza delle patologie rare è centralizzata attraverso il Registro Nazionale delle malattie rare presso l’Istituto Superiore della Sanità. La Rete Nazionale per le malattie rare è costituita da centri che hanno un’esperienza documentata di attività diagnostica e terapeutica specifica per le malattie rare e dispongono di strutture adeguate con servizi per l’emergenza, per la diagnostica biochimica e genetico molecolare. Humanitas ne fa parte ed è inoltre il centro coordinatore per lo studio di una di queste patologie, la polineuropatia cronica infiammatoria demielinizzante, con l’obiettivo di stabilire un percorso diagnostico e terapeutico standard per questa malattia neurologica caratterizzate dalla sofferenza simultanea e simmetrica di molti nervi periferici spinali e, a volte, cranici.
“La presenza di questa Rete – prosegue il professor Nobile Orazio – ci permette di disporre di un quadro complessivo della diffusione delle malattie sul territorio e di una maggiore conoscenza riguardo a cause e fattori di rischio ad esse associati. Inoltre, grazie questa Rete, a livello sia Nazionale che Regionale, è possibile uniformare le procedure terapeutiche e diagnostiche”.