La luce della Cometa Asmme, l’associazione padovana che si

La luce della Cometa Asmme, l’associazione padovana che si occupa dello studio delle malattie metaboliche ereditarie, ha brillato al Verdi per due sere consecutive, in occasione di un tutto natalizio “Christmas Gospel Show”. Attraverso la musica dei Summertime, accompagnati da un’orchestra classica e affiancati dal corpo di ballo dei Mighty Power, il messaggio dell’associazione è arrivato al cuore di un pubblico che ha esaurito tutti i posti del Verdi per entrambe le rappresentazioni. Durante la serata è stato lo stesso maestro del coro gospel padovano Walter Ferrulli a parlare dell’associazione, chiedendo di sostenere la ricerca a favore delle malattie metaboliche ereditarie, di cui Cometa Asmme rappresenta l’unico punto di riferimento per centinaia di famiglie in tutta Italia. Reduci dall’esibizione al concerto di Natale in Vaticano, i Summertime hanno proposto uno spettacolo “quasi musical”, unendo all’energia delle loro canzoni, interpretate di volta in volta da voci eccezionali, come Laura Ferronato con l’applauditissimo brano “In Every Mountain”, le coreografie del corpo di ballo guidati da Etn e la trascinante simpatia del “Preacher” Harold Bradley, che ha recitato e cantato alcuni versi di gioia e di pace. Spettacolare la scenografia e il gioco di luci che hanno reso il concerto ancora più suggestivo. Il coro ha preso posto al centro del palco, lasciando davanti a sé uno spazio di alcuni metri per far posto ai solisti e ai ballerini, alle loro spalle l’orchestra di ventotto musicisti diretta da Daniele di Gregorio ha accompagnato i brani più celebri come Say you will, pezzo presentato al Concerto in Vaticano nel 2002, “As” di Steve Wonder, “He reigns” di Kirk Franklin e i tradizionali “Oh when the saints” e “Dance”. Mezzora di bis sono stati il pegno che i Summertime hanno dovuto pagare dopo aver caricato il pubblico d’entusiasmo con un concerto ad altissima coinvolgimento, finito con la platea tutta in piedi per ballare. Matteo Mignolli