Il Gabibbo e i volti di “Striscia” in campo nella partita benefica

“Il Gabibbo sfiderà sul campo di calcio un riccio, il tutto a scopo benefico. Domenica 15 ottobre alle 15 allo stadio comunale “Andrea Zotti” di Asiago gareggeranno la Nazionale Calcio Tv e l’Altopiano Team per sostenere l’associazione Comete Asmme. L’associazione patrocina gli studi sulle malattie metaboliche ereditarie al dipartimento di pediatria dell’Università di Padova e che ha per l’appunto un riccio come testimonial.

Tra i tifosi della partita ci sarà anche il simpatico Gabibbo, che ieri ha partecipato alla presentazione dell’iniziativa alla scuola media “Reggenza 7 Comuni”. L’iniziativa parte da un ragazzo dell’Altopiano, colpito da una malattia metabolica, che con il suo sorriso stimola il parroco di Sasso e Stoccareddo a tentare un azzardo, quello di contattare la Nazionale Tv. Dopo un sopralluogo la scommessa diventa vincente, con la partecipazione spontanea di sponsor locali per coprire le spese organizzative. L’evento è organizzato anche dal vicariato di Asiago, in collaborazione con il Comune, l’As Asiago Calcio Altopiano e con il patrocinio della Comunità montana.

Per quanto riguarda la partita, bocche cucite sulla tattica che adotteranno le squadre. Solo Moreno Morello, inviato di “Striscia la notizia”, nella prima presentazione aveva commentato: «Vedo che in difesa sono schierati Baù, Baù, Baù, che sono, dei mastini? Mi preoccupa molto anche la resistenza degli altopianesi, si sa in montagna la capacità polmonare è maggiore!».

Oltre al Gabibbo e a Morello, la rappresentativa di “Striscia” sarà infoltita da Capitan Ventosa e Steve dei Turbolenti. È annunciata inoltre la partecipazione dell’attore Marco Basile, di Francesco Gullo di “Campioni”, nonché di due protagonisti del “Grande Fratello”, Ascanio e Katia che lo inciterà dal bordo campo.

Il biglietto, in prevendita all’ufficio del turismo di Asiago oppure all’entrata dello stadio, costa 5 euro per gli adulti e 2 euro per i ragazzi, un piccolo costo, che significa molto invece per chi ne ha bisogno.

Clicca qui per scaricare l’articolo completo in formato PDF