I Buoni vincono sempre

A Pasqua con un uovo di cioccolato di Cometa A.S.M.M.E. sostieni la ricerca sulle Malattie Metaboliche Ereditariem

Anche quest’anno Cometa A.S.M.M.E. addolcirà le festività Pasquali con le sue uova di cioccolato destinate a favore della ricerca sulle Malattie Metaboliche Ereditarie.
Le bancarelle dell’Associazione saranno presenti Sabato 15 e Domenica 16 Marzo in più punti della provincia padovana: Prato della Valle (davanti Palazzo Angeli), via Roma (“canton del gallo”) e presso la Parrocchia di Vigonza. Nel pomeriggio di Domenica l’Associazione sarà presente con le sue uova di cioccolato al PalaNet durante la partita di Volley Antonveneta – Famigliulo Corigliano.
Con un semplice contributo si può dare un aiuto concreto a Cometa A.S.M.M.E.: un’associazione Onlus, nata nel 1992 dalla volontà di un gruppo di famiglie con figli colpiti da malattie metaboliche ereditarie. Oggi l’Associazione conta più di 3000 soci e rappresenta più di 400 pazienti, bambini e adulti, provenienti da tutta Italia e curati presso l’Unità Operativa Complessa M.M.E. diretta dal dottor Alberto Burlina all’interno del dipartimento di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera di Padova.
Oltre a sostenere le persone colpite da malattie metaboliche ereditarie e le loro famiglie, promuovere e finanziare attività di ricerca e di studio, Cometa A.S.M.M.E. è quotidianamente impegnata in opera di sensibilizzazione ed informazione verso l’opinione pubblica e le istituzioni sanitarie, per elevare la conoscenza sulle M.M.E. e qualificare l’assistenza medica sui malati .
Grazie alle attività di volontariato e alle iniziative di solidarietà che l’Associazione ha intrapreso in questi anni, si sono raccolti fondi con i quali sono stati acquistati particolari apparecchiature scientifiche per la diagnosi e lo studio di nuove patologie, donate all’Azienda Ospedaliera di Padova ed operanti all’interno dell’Unità Operativa Complessa M.M.E.
L’Associazione Cometa A.S.M.M.E. vi aspetta e, con l’occasione, augura a tutti una Felice Pasqua!

Leggi l’articolo…