GIOVANNA TRILLINI CAMPIONESSA DAL CUORE D’ORO

La jesina ha donato il premio di Jesi alla Cometa Asmme per la ricerca sulle malattie rare dei bambini
Campionessa nello sport e nella vita.
Giovanna Trillini conferma ancora una volta di avere un grande cuore e i responsabili regionali della Cometa Asmme, l’associazione che si occupa della ricerca e lo studio sulle malattie metaboliche ereditarie, hanno voluto ringraziarla pubblicamente per la donazione che la fiorettista jesina ha devoluto.
Un dono, frutto del premio che il Comune di Jesi ha voluto conferire a lei e a Valentina Vezzali durante la festa cittadina di ritorno dalle Olimpiadi di Pechino, che Giovanna ha subito girato all’associazione veneta che riunisce tutti i familiari in Italia di bambini che soffrono di questo tipo di patologie rarissime.
“Giovanna stavolta ci ha veramente colpiti – dice Novella Valli, responsabile per le Marche dell’associazione – il suo è stato un gesto di grande sensibilità. Il fatto che una campionessa come lei ci sia affianco non fa altro che darci il coraggio di andare avanti nel nostro difficile percorso, lungo il quale spesso ci troviamo a dover abbattere i muri dell’indifferenza e dell’ignoranza, veri e propri ostacoli per chi vive nel mondo delle malattie rare”.
Giovanna Trillini si era già avvicinata alla Cometa Asmme lo scorso anno quando aveva prestato il suo volto e il suo fioretto, naturalmente a titolo gratuito, per una campagna promozionale a carattere nazionale. Per registrare i promo venne allestito il set proprio nel PalaScherma di Jesi.


Giovanna Trillini con una famiglia di Cometa A.S.M.M.E. durante la premiazione a Jesi